Zeppole di San Giuseppe

FOTO-9_norm“Napoli inventò le zeppole, tutta l’Italia se ne leccò le dita”. Era il 1857 quando il filologo Emmanuele Rocco propose questa epigrafe in onore del dolce partenopeo. (dal sito: http://www.amarenafabbri.com/).

Le zeppole meriterebbero certamente un monumento, e non capisco perché si consumino in realtà solo nel periodo pre e post S. Giuseppe o Festa del Papà (ovvero il 19 marzo); si possono fare in vari modi, a ciambellina, a bignè, fritte, al forno; fondamentali sono gli ingredienti, soprattutto le uova che devono essere assolutamente freschissime (meglio ovviamente di galline ruspanti allevate in libertà).

Come di consueto, vi do la mia ricetta ed un suggerimento, anzi due: se volete far assorbire meno olio, passatele prima di friggerle qualche minuto nel forno caldo; se invece volete evitare che si sgonfino (se per esempio dovete consumarle il giorno dopo), fate esattamente il contrario: friggetele e poi passatele due minuti nel forno ben caldo). Io preferisco questa seconda versione.

INGREDIENTI (per circa 40 zeppole medie):

500 g. di FARINA; CREMA PASTICCERA (vedi ricetta)
750 ml. Di ACQUA AMARENE (quelle intere con lo sciroppo)
125 g. di BURRO; OLIO PER FRIGGERE
UOVA (quante ne richiede, circa 6/8); ZUCCHERO A VELO q.b.
1 pizzico di SALE;

PROCEDIMENTO:

Mettere in una pentola l’acqua con il burro e un pizzico di sale, fino al completo scioglimento del burro (non deve bollire). Aggiungere la farina tutta in un colpo. Mescolare energicamente, con l’aiuto di un cucchiaio di legno, fino a formare una palla.Togliere dal fuoco e lasciar raffreddare bene il composto.

Aggiungere le uova, una alla volta, continuando a mescolare, fino ad ottenere un composto morbido, ma non troppo liquido.

Con l’aiuto di una sac à poche e la bocchetta a stella, formare delle ciambelle sulla carta forno e, con la stessa carta forno ribaltarle nella padella con olio ben caldo. Appena la zeppola e la carta si separeranno, togliere la carta dalla pentola e buttarla. Quando le zeppole saranno gonfie e dorate, trasferirle su carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso e lasciar raffreddare.

Infine guarnire le zeppole con crema pasticcera, mezza amarena ed una spolverata di zucchero a velo.

 Se poi avete bisogno di una mano, o volete farle la prima volta in compagnia, potete sempre contattare la vostra

“Zia” Anna

(laziaadomicilio@gmail.com- https://www.facebook.com/laziaadomicilio)

FOTO-1_norm FOTO-2_norm FOTO-3_norm foto-4_norm FOTO-5_norm FOTO-6_norm FOTO-7_norm FOTO-8_norm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...